Lewis Hamilton: il campione per un mondo senza confini

Lewis Hamilton

Lewis Hamilton è impavido, non solo in pista, vincitore di  100 gare di  F1 , ma anche nelle sue scelte di stile. Divo suo malgrado con una passione tutta sua per il mondo della moda e una scelta di vita etica che lo ha portato a essere vegano, Lewis Hamilton entra definitivamente nella leggenda eguagliando i  sette titoli mondiali di Michael Schumacher. E mentre è impegnato a diventare un’indiscussa icona sportiva, il sette volte campione di F1 ha fatto della moda senza confini un suo manifesto. Spesso fotografato in un mix audace ed eclettico di streetwear, colori al neon, abiti eleganti e modelli giocosi, si fa portavoce di un messaggio che va ben oltre il semplice gusto estetico.

Lewis Hamilton

Dall’espressione di sé all’inclusività e alla sostenibilità

In questa direzione va la collaborazione tra Tommy Hilfiger e Lewis Hamilton che, con ben 5 collezioni all’attivo, cerca di sensibilizzare su tematiche sociali. Tommy Hilfiger Lewis Hamilton primavera 2020, si fa portavoce di un approccio sostenibile e “Style For All” nella convinzione che il grande stile cancella tutti i confini di genere, età, etnia. E ancora, con la collezione Fall 2020,  l’accento è stato posto sulla sostenibilità dei capi con  l’uso del denim 100% riciclato, del cotone organico e di materiali riciclati post-consumo in quasi l’80%, e sulla presenza di  capi gender-neutral.

Lewis Hamilton e Low Roach

All’inizio di luglio, Hamilton è stato visto seduto in prima fila alla sfilata di moda Balenciaga alla Paris Fashion Week, in un look total black per gentile concessione di Law Roach, lo stylist di Zendaya,  Céline Dion, Ariana Grande, Anya Taylor-Joy. Il primo  uomo di colore che  scala la classifica degli Hollywood’s Most Powerful Stylists 2021.

Come persone di colore in ambienti dove  ce ne sono stati pochi, Hamilton e Roach sono spiriti affini, pionieri di un cambiamento globale. Per Hamilton, questo impegno si è tradotto nel creare maggiori opportunità per le persone di colore nel mondo della F1 e nel sistema educativo britannico più in generale, attraverso una commissione che ha formato con la Royal Academy of Engineering per identificare gli ostacoli al reclutamento e la progressione delle persone di colore all’interno degli sport motoristici del Regno Unito e fornire consigli su come affrontarli.

Questi sforzi sono condotti attraverso Mission 44, una fondazione che prende il nome dal numero di gara di Hamilton dei  giorni di infanzia in go-kart. Dai lavori della commissione è emerso che  tra le decine di migliaia di posti di lavoro in F1, solo l’ 1% dei dipendenti è nero e di 500.000 insegnanti in Inghilterra  solo il 2% proviene da ambienti neri.

Lewis Hamilton compra biglietti per il Met Gala

Lewis Hamilton

A questo proposito, non stupisce la sua ultima trovata in cui ha unito moda, attivismo, sport e musica. In occasione del Met Gala, la passerella fashion più esclusiva al mondo, il pilota Mercedes è arrivato con lo scopo di  presentare dei designer di colore. Lewis ha preso dei posti esclusivi per far conoscere al mondo degli artisti emergenti di colore senza badare a spese. Circa 300.000 dollari spesi con ogni biglietto che ne valeva 30.000. Hamilton ha parlato così dell’evento:

“Il Met  è il più grande evento di moda dell’anno e volevo creare qualcosa che fosse significativo e che aprisse un dibattito. Così quando la gente ci vedrà tutti insieme, metterà questi designer neri in cima ai pensieri delle persone. Viviamo in un momento in cui la diversità e l’inclusione sono molto importanti, ed è per questo che ho fondato la mia Hamilton Commission all’interno del mio stesso sport. Mi sono reso conto che tutto ciò è molto simile al settore della moda. Molti giovani marchi e designer non hanno le stesse opportunità, quindi questo è ciò che mi ha davvero entusiasmato”.

misoginia
Senza confini

Misoginia: crimine d’odio in Inghilterra(Johnson dice no)

Misoginia: in Inghilterra la situazione è tesa. A  febbraio Sarah Everard, una giovane 33enne è stata rapita, violentata e uccisa da un agente di polizia che aveva attirato la giovane in una trappola la notte della sua scomparsa. Misoginia: dati allarmanti Le donne britanniche sono scese in strada con rabbia e dolore chiedendo che fosse fatto […]

Read More
Squid Game
Senza confini

Squid Game: Il successo planetario di una storia di perdenti

Squid Game è una serie TV scritta e diretta dal regista coreano originario di Seoul, Hwang Dong-hyuk.  La fortunata serie è ambientata in Corea del Sud ai giorni nostri. Anche se dal dopoguerra il paese è diventato uno dei più ricchi dell’Asia, il progresso economico e finanziario ha portato l’incremento delle disparità sociali tra le […]

Read More
Elodie
Senza confini

Elodie per Le Iene: “non voglio essere difesa, voglio essere compresa”

Elodie ha inaugurato con la grazia, l’eleganza e l’ironia che da sempre la contraddistingue, Le Iene al fianco di Nicola Savino e la Gialappa’s Band. Elodie esordisce in un’edizione completamente rinnovata de Le Iene, che vede al posto della storica presentatrice Alessia Marcuzzi, 10 grandissimi nomi del cinema, musica, sport… che si alternano nella conduzione […]

Read More